La guida completa come creare i template per email in 22 passi

Dei template per email ben elaborati ci consentono di far arrivare il destinatario subito al punto, sfruttando al massimo il breve tempo che abbiamo a disposizione. Di solito abbiamo solo una possibilità, quando il destinatario nota il nostro messaggio nella casella di posta, e per fargli raggiungere il suo obiettivo, dobbiamo usare il maggior numero possibile di stratagemmi. Scopri quali sono!

Il principio che vorremmo sottolineare è che bisogna rispettare il destinatario e offrirgli sempre qualcosa di interessante e rilevante in cambio del suo tempo. In fin dei conti questa è anche la ragione principale per la quale si è iscritto alle nostre news.

 

Prima di cominciare

Sicuramente non tutte le proposte che faremo saranno adatte ad ogni database, azienda, prodotto o servizio. Come qualsiasi altra cosa nel campo dell’email marketing, anche le nostre proposte vanno testate e verificate per vedere se funzionano o meno con dei determinati destinatari.

 

1. Se i destinatari desiderano annullare l’iscrizione devi consentirglielo (sempre)

In termini legali e nel rispetto della privacy è di vitale importanza aggiungere nel template l’opzione di annullamento all’iscrizione (Opt-out) e consentire al destinatario una cancellazione semplice e trasparente dalla tua mailing list. Se cerchi di impedire o complicare la cancellazione potresti nuocere al tuo marchio di fabbrica, il destinatario probabilmente sceglierà di contrassegnare i tuoi messaggi come spam o con l’aiuto dei filtri ti bloccherà come mittente.

Può darsi che il destinatario in questo momento non voglia ricevere i tuoi messaggi email, ma questo non significa che non rimarrà un cliente fedele anche in futuro.

 

2. Utilizza le pratiche comuni

Probabilmente lo troverai noioso, ma usare le pratiche comuni quando si creano template per email è assolutamente lecito. I messaggi email, infatti, sono limitati in base alla loro dimensione e di solito rimangono aperti per poco tempo, perciò la funzione di ogni singolo elemento deve essere chiara come il sole.

 

3. Evidenzia i collegamenti

Realizza pulsanti grandi e attraenti per i tuoi collegamenti, sui quali è facile cliccare. Nella visualizzazione sui dispositivi mobili devono essere larghi del 100%, così si possono premere con un dito.

Se desideri avere collegamenti testuali nel tuo template, controlla che siano in grassetto e che il colore sia in contrasto con quello dello sfondo. I tuoi collegamenti testuali non devono essere troppo vicini, perché può succedere che il destinatario scelga quello sbagliato.

Quasi il 50% dei messaggi email viene aperto con l’aiuto di dispositivi mobili, perciò evita costrutti che su smartphone e tablet non avrebbero alcun senso, come «Clicca qui».

Utilizza le frecce (per esempio >>), le ricerche mostrano che sono più che efficaci – ma, come sempre, fai prima dei test e controlla cosa ne pensano i tuoi destinatari.

 

4. Evidenzia i vantaggi del click

I pulsanti di maggior successo combinano i vantaggi del click con l’azione stessa, per esempio «Richiedi un test gratuito» o «Comincia a usare il tuo nuovo account».

 

5. Sii breve

Non scrivere troppo. I tuoi destinatari scorrono velocemente il contenuto del messaggio email controllando se questo include contenuto interessante e rilevante per loro, perciò è meglio dividerlo in brevi paragrafi.

Di solito vogliamo che i destinatari, con l’aiuto di una campagna di email marketing, facciano click sui collegamenti a un sito web o negozio online, perciò non c’è alcun bisogno di rallentarli con lunghi monologhi.

Le email lunghe spesso stufano il lettore e aumentano le probabilità che cancelli il messaggio.

 

6. Scorrere il messaggio deve essere semplice

Crea i tuoi messaggi in modo che sia facile scorrerli con lo sguardo. Il testo deve essere chiaro e diviso in parti che arrivano subito al punto.

Usa titoli comprensibili ed evidenzia i segmenti chiave con caratteri in grassetto. Così i tuoi destinatari riusciranno subito a capirli, anche senza aver letto tutto (il che succede spesso).

DESIDERO PROVARE SQUALOMAIL GRATUITAMENTE!

 

7. Puoi dire di più – dopo

Se sei tra quelli che inviano messaggi più lunghi di quanto i destinatari vorrebbero, non ti preoccupare, nell’email marketing c’è posto anche per te.

Le persone leggono la propria posta in luoghi e modi differenti. Alcuni durante riunioni importanti, altri mentre aspettano dal dentista. Anche se si tratta di occasione diverse tra loro, è possibile accontentare tutti se ci atteniamo a una determinata struttura logica.

Prima esponi le informazioni brevi e incisive e solo in seguito aggiungi il resto del contenuto. Così facendo susciterai l’interesse del destinatario a leggere e saperne di più.

 

8. Concentrati sulla chiamata all’azione

Se vuoi comunicare ai tuoi destinatari qualcosa di specifico, non saziare il tuo messaggio con altri dati, che potrebbero confondere e distrarre i destinatari dalla chiamata all’azione principale.

 

9. Ripeti la tua chiamata all’azione principale

Se il tuo messaggio email è lungo e il destinatario ha letto velocemente il contenuto, assicurati che abbia nuovamente a disposizione la chiamata all’azione, così non dovrà ritornare all’inizio del messaggio.

 

10. Rimuovi tutti gli elementi non essenziali

Semplifica il tuo email design e rimuovi tutto ciò che non è necessario per comunicare quello che vuoi. Meno fattori di disturbo ci sono più è chiara la comunicazione.

 

11. Limita le opzioni

Quando il destinatario ha a disposizione più opzioni diminuiscono la probabilità che decida e aumenta la possibilità che chiuda il messaggio. Meglio che ti concentri su come portare il destinatario al tuo sito web o negozio online.

Se vuoi che i destinatari scelgano e acquistino un prodotto, non offrire loro tutti i prodotti già nel messaggio email, incoraggiali invece a guardare l’offerta sul tuo sito web.

 

12. Coinvolgi i destinatari gradualmente

Ti sconsigliamo messaggi email del tipo «ACQUISTA SUBITO!» o «ISCRIVITI!». Meglio invitare i lettori a visitare il tuo sito web gradualmente con l’aiuto di un antecedente, come per esempio «seleziona il numero di scarpe e controlla i modelli» che è molto meglio di «compra le scarpe».

 

13. Sii trasparente

Evita di usare nomi del mittente e titoli o «subject» ingannevoli e misteriosi. Questo, infatti, non farà altro che confondere i destinatari e li spingerà a cancellare il tuo messaggio o contrassegnarlo come spam.

Comunica ai tuoi destinatari chi sei, perché gli stai inviando il messaggio e perché dovrebbero leggerlo. Se quando il messaggio viene aperto è subito chiaro chi è il mittente e qual è il suo obiettivo, l’offerta non verrà ignorata.

Verifica anche che l’indirizzo del mittente, il «subject», l’intestazione e il contenuto, che si trova nel campo visivo (sopra la piega – ing. “fold”), spieghino del perché stai contattando i lettori.

 

14. Il tuo messaggio deve avere un punto centrale

La chiamata all’azione principale deve essere anche il punto centrale del tuo messaggio. Ciò garantisce che i tuoi destinatari capiscano subito la finalità del messaggio.

Creare il punto centrale è semplice. Pensa prima al tuo obiettivo e poi realizzalo in modo da contraddistinguerlo dal resto del contenuto, lasciando intorno ad esso abbastanza spazio vuoto, da attirare lo sguardo del destinatario. Questa forma sarà più evidente sul desktop del destinatario, dove è possibile visualizzare più template alla volta.

 

15. Utilizza lo spazio vuoto intorno agli elementi

Se il tuo messaggio è composto da più parti e queste sono più o meno della stessa dimensione, ugualmente importanti e intorno ad esse non c’è spazio vuoto, il tuo messaggio apparirà come un solo grande paragrafo che sfuggirà velocemente allo sguardo del lettore.

Con l’uso dello spazio vuoto intorno ai singoli elementi attirerai l’attenzione su quello che conta veramente.

 

16. Evita un alto numero di colonne verticali

Più colonne verticali ci sono in un template, più questo apparirà ostile al destinatario. Sono fastidiosi anche i bordi o le cornici accentuati, perciò, in quanto possibile, meglio evitarli.

 

17. Mantieni la larghezza del template sotto i 600 px

Così sarai sicuro che i tuoi destinatari possano visualizzare al meglio il messaggio sia su desktop che sui dispositivi mobili.

 

18. Crea gradualmente

Prima di rendere i bordi delle cornici arrotondati o aggiungere l’effetto ombra, pensa a come sarebbe il tuo template senza tutte queste modifiche. Fa di questa variante la tua forma base alla quale poter poi aggiungere gradualmente bordi arrotondati e ombre per arricchirla, ma ovviamente, fai dei test per vedere cosa funziona meglio.

 

19. Fai respirare il tuo design

Rassegnati al fatto che non è sempre possibile creare template che vengono visualizzati allo stesso modo da tutti i client di posta elettronica (come per esempio MS Outlook, Mozilla, Thunderbird, Gmail, Yahoo, Apple mail, iOS o Google Android mail), a causa delle loro caratteristiche specifiche nella visualizzazione della forma e del contenuto. Tienilo ben in mente quando crei i tuoi template e ti risparmierai parecchi mal di testa.

Crea dunque template nei quali non avrà grande importanza se un singolo client aggiungerà in fondo 7 px di spazio ed evita i piccoli dettagli, che non verranno visualizzati correttamente se spostati di un solo px.

 

20. Considera l’esperienza completa del destinatario

La tua email deve funzionare nel suo complesso. I destinatari vedranno il tuo messaggio nella propria casella, leggeranno il nome del mittente e il «subject». Una volta aperto, probabilmente vedranno la versione con le immagini impossibilitate, risultato della visualizzazione automatica di molti client. Se questi permettono la visualizzazione delle immagini, il messaggio apparirà come volevi tu.

Controlla che tutti questi passaggi funzionino nel loro complesso e che il destinatario capisca il tuo messaggio anche senza la visualizzazione delle immagini.

Non includere il tuo messaggio principale nell’immagine, poiché questa verrà probabilmente disabilitata, e alcuni client non mostrano gli Alt Tag. Anche se le immagini non vengono visualizzate automaticamente, il destinatario deve capire la finalità del messaggio e cosa ci si aspetta da lui.

 

21. Crea i tuoi Alt Tag

Aggiungi all’immagine la forma CSS assicurandoti così che venga visualizzata dai client che supportano gli Alt Tag, questo sicuramente aiuterà a migliorare l’esperienza del destinatario.

 

22. Inserisci i collegamenti, dove questi hanno un senso

Non inserire i collegamenti solamente nei pulsanti, considera anche la possibilità di includerli nelle immagini e nei titoli. Così facendo i destinatari avranno a disposizione più possibilità di arrivare al sito desiderato!

 

Esempi di template ben fatti

Per finire, guarda alcuni template fatti bene (clicca per ingrandire).