10 principi di design che aumenteranno la conversione delle tue newsletter

Abbiamo preparato per te i 10 principi chiave da rispettare nella creazione dei template, per entusiasmare i tuoi destinatari e aumentare le conversioni finali.

 

1. La gerarchia visiva del messaggio deve essere chiara

Indipendentemente da quello che si pensa, il design non è solo l’aspetto e apparenza esteriore. I design migliori sono proprio quelli semplici e utili che riescono a raggiungere l’obiettivo del designer nella maniera più efficace.

La base di una forma efficace è la gerarchia visiva. Con i colori, i contrasti, il font, la forma, la posizione e le dimensioni possiamo organizzare gli elementi nel messaggio in modo tale da aiutare il lettore a riconoscere subito le parti importanti del contenuto. Scopri consigli utili riguardo l’uso dei colori nel seguente articolo: Guida dettagliata sull’uso dei colori nel creare template per email.

 

2. Template organizzato

Per rendere il tuo template per email ancora più piacevole, assicurati che sia diviso chiaramente in tre parti principali: testa, corpo e chiamata all’azione (Call To Action – CTA).

Forse questa divisione ti sembrerà ovvia, ma succede spesso di trascurare la prassi in cambio di un design attrattivo. Tali «design innovativi» distraggono molte volte i destinatari, poiché lo scopo del messaggio non è subito evidente.

 

3. Esprimi ciò che desideri

I due punti sopra riportati spiegano come indirizzare il lettore nella giusta direzione in maniera sensibile. Abbiamo però bisogno anche di un approccio chiaro e deciso, che stimoli i destinatari a fare una determinata azione. Per fare ciò utilizzeremo la chiamata all’azione (Call To Action – CTA), che di solito comprende frecce, righe, immagini e altri elementi grafici simili per evidenziarne l’obiettivo.

Ma con moderazione – una grande freccia rossa lampeggiante che urla «Compra subito!» avrà probabilmente l’effetto contrario. Fai dei test!

 

4. Scegli i colori giusti

Sapevi che la psicologia ha un intero ramo dedicato allo studio dei colori? Questi infatti influiscono sui nostri sentimenti e sulle decisioni subconscie che prendiamo. Le ricerche mostrano infatti che il 90 % della nostra opinione su un prodotto dipende dal suo colore.

Quando si crea un template, non basta distinguere il colore del tasto della chiamata all’azione dal resto del contenuto (il che è ovviamente necessario). Devi scegliere il colore anche in base all’obiettivo che vuoi raggiungere con questa azione. Se si tratta di un’offerta con limiti di tempo, come per esempio di una svendita, il colore rosso sarà probabilmente quello migliore, visto che suscita una sensazione di urgenza a reagire subito con un’azione.

 

5. La forma deve essere accompagnata dalla qualità, positività e rilevanza

Un’immagine vale più di 1000 parole. Con l’aiuto di un elemento visivo infatti, riusciamo a comunicare un contenuto in un istante. Le ricerche mostrano che un’immagine viene percepita 60,000 volte più velocemente rispetto al testo, il che vuol dire che si può utilizzare per motivare i destinatari a una determinata azione in maniera più rapida di quanto si riuscirebbe a fare solo con le parole.

Ma c’è un tranello. Le immagini devono essere scelte accuratamente, visto che la scelta sbagliata può lasciare un’impressione sbagliata. Ti suggeriamo di usare nelle tue newsletter immagini di alta qualità, senza rallentare o complicare la visualizzazione del messaggio. Una pessima qualità delle immagini influirà anche sulla tua reputazione.

Scegliere in modo superficiale delle immagini non rilevanti può confondere il destinatario, che non riuscirà a capire il messaggio o lo intenderà in maniera sbagliata, il che provocherà in lui una sensazione di disagio o penserà addirittura che sia stato raggirato. Qui bisogna ricordarsi anche che l’immagine deve sempre aiutare a vendere un prodotto o un’servizio e che il materiale visivo positivo molte volte porta a risultati migliori.

 

6. Utilizza una sola (appariscente) chiamata all’azione

Quando abbiamo a disposizione più possibilità, di solito succedono due cose – o reagiamo impulsivamente o evitiamo di scegliere. Le ricerche mostrano che molte volte quando abbiamo a disposizione troppe scelte ci blocchiamo, preferiamo essere cauti per paura di prendere una decisione sbagliata.

Ti consigliamo di concentrarti solo sul tasto contenete la chiamata all’azione, evidenziarlo e accentuarlo stimolando così il destinatario a realizzare l’obiettivo del tuo messaggio. Per il tasto utilizza un colore da distinguerlo dal resto del contenuto assicurandoti così che il destinatario non lo trascuri.

Più tasti o collegamenti nella newsletter potrebbero funzionare, ma solo se tutti incoraggiano e mirano alla realizzazione della stessa azione.

 

7. Lascia sufficiente spazio vuoto tra gli elementi

Questo tipo di design è molto amato tra i progettisti. Oltre ad essere visualmente molto piacevole, contribuisce anche ad attirare l’attenzione del lettore conducendolo alla chiamata all’azione principale nella tua newsletter.

Le persone perdono la concentrazione molto facilmente, perciò ti consigliamo di far respirare il design della tua newsletter. Cerca di resistere alla tentazione di aggiungere troppo contenuto nel tuo template. Ogni elemento deve avere un suo obiettivo, e cioè, guidare e stimolare il destinatario a cliccare su un desiderato collegamento.

Ti consigliamo di rimuovere tutti gli elementi innecessari del tuo contenuto e lasciare intorno alla chiamata all’azione principale sufficiente spazio vuoto, da non essere ignorata. Ma non esagerare – una chiamata all’azione troppo lontana potrebbe avere un effetto contrario.

 

8. I collegamenti devono essere appariscenti

Forse questo ti sembrerà scontato, ma saresti sorpreso davanti al fatto che molti pubblicitari continuano a non ottimizzare i loro collegamenti nelle newsletter perdendo così click preziosi.

Possiamo considerare i click anche come la valuta di internet con i quali le persone non sempre sono generose.  Verifica che nella tua newsletter sia chiaro su quali elementi è possibile cliccare e su quali no, perché questo aumenterà notevolmente le tue conversioni.


 

9. Rispetta le best practices

Come catturare l’attenzione del destinatario è sicuramente il primo pensiero quando si comincia a creare la newsletter. Qui bisogna fare attenzione alla linea sottile tra «artistico» e visivamente piacevole.

Oggigiorno trascorriamo la maggior parte del nostro tempo sul web, il che vuol dire, che navigare indisturbati sui siti fa parte della nostra vita quotidiana. Verifica se il tuo sito web permette l’esperienza utente alla quale il visitatore è abituato.

Lo stesso vale per le tue newsletter. Tutto quello che è diverso dal usuale, può essere piacevole momentaneamente, ma le chance che il destinatario si prenda del tempo per decifrare il tuo messaggio, sono molto poche. Non rischiare!

 

10. Responsive Email Design – RED

I dispositivi mobili sono ormai al passo con il desktop. Le ricerche mostrano che quasi la metà della posta elettronica viene aperta su smartphone e tablet – il che significa un aumento del 500 % negli ultimi quattro anni.

E questo non è ancora tutto. Le ricerche mostrano anche che il grado dei click sui collegamenti su dispositivi mobili (Click Through Rate – CTR) negli ultimi due anni è aumentato del 10 %, il che vuol dire che i dispositivi mobili rappresentano attualmente il 48% di tutti i click email.

Questo significa che se i tuoi template non saranno ottimizzati per dispositivi mobili, perderai una numero notevole di messaggi aperti e click sui collegamenti. Ti consigliamo di aggiungere questo punto in cima al tuo elenco delle priorità.

I template già pronti, a disposizione nell’applicazione di SqualoMail, rispettano tutti i 10 principi del buon design. Guarda i nostri template e provali gratuitamente!

Prova i template

 

Via alla conversione

Tutto quello che conta a fine giornata è come condurre il destinatario nel modo migliore dal punto di partenza alla conversione finale. Con questo non intendiamo solo il design della newsletter, ma anche del processo in sé, dall’iscrizione alle tue news, alla domanda se la tua promessa con la quale hai stimolato il destinatario ad iscriversi, abbia raggiunto le sue aspettative.

Controlla che le tue newsletter non risaltino solo con un design piacevole, ma che offrano sempre una buona esperienza utente e un valore aggiunto per il destinatario.

 

Hai trovato i nostri consigli utili? Ti invitiamo a seguire anche in futuro il nostro blog sull’email marketing, dove settimanalmente pubblichiamo informazioni utili.